La promozione e la diffusione delle opere dei nostri Premi Nazionali delle Arti Plastiche per la democratizzazione della cultura

L’utopia del possibile, la tesi che ha ispirato la nostra amministrazione come presidente-fondatore di PDVSA La Estancia, il braccio sociale e culturale dell’industria petrolifera venezuelana (PDVSA), si basava principalmente sul mostrare l’estetica della nostra modernità nel mondo delle arti e metterlo a disposizione di tutti.

In Venezuela, le menti artistico-creative più brillanti dell’America Latina convergono felicemente per quanto riguarda l’arte moderna.

La molteplicità dei nostri paesaggi (caraibici, andini, Llaneros, amazzonici, urbani), la varietà della nostra popolazione (indigena, africana, spagnola e delle Canarie); e, successivamente, anche l’immigrazione araba (dopo la prima guerra mondiale), europea (post seconda guerra mondiale), sudamericana (anni delle dittature di Argentina, Cile e Uruguay) e successivamente quella andina-caraibica (Perù, Ecuador, Bolivia , Colombia, Repubblica Dominicana e Haiti), ha generato un miscuglio culturale che ha avuto le sue espressioni in tutte le manifestazioni culturali; e, in particolare, nelle nostre arti plastiche.

D’altra parte, il reddito petrolifero ha permesso alle nostre università di avere un alto livello di istruzione, di avere accesso alle migliori attrezzature, laboratori, materiali e biblioteche e molti venezuelani hanno potuto trasferirsi all’estero per svolgere i loro studi di specializzazione.

Il nostro sincretismo culturale e paesaggistico, insieme alle esperienze arricchenti di studio, viaggio, conoscenza di altri mondi e culture, ha influenzato la generazione di un importante gruppo di artisti, che hanno segnato l’arte universale.

A Parigi, che dall’Esposizione Universale del 1900 divenne la “città della luce” per lo sviluppo delle avanguardie, coincisero negli anni Cinquanta gli artisti plastici venezuelani, che si erano trasferiti per studiare, incontrare e scambiare con creatori di tutto il mondo e tentare la fortuna in gallerie e spazi d’arte.

Un ruolo molto importante in quella città è stato svolto dalla gallerista Denis René, che con la mostra “Le Mouvement” riunisce, per la prima volta, artisti come Jesús Soto, Alexander Calder, Yaacov Agam, Jean Tinguerly e Pol Bury, diventando la promotrice dell’arte cinetica e dell’astrattismo geometrico, senza la quale molti artisti di fama mondiale avrebbero potuto esprimere il loro discorso; e che, avendo individuato la grande qualità dei nostri artisti (venezuelani) nell’arte del Novecento, ha aperto loro i suoi spazi e la sua galleria, e li ha supportati nella divulgazione delle loro opere e postulati.

Non per nulla il prestigioso Premio Nazionale per le Arti Plastiche creato in Venezuela, che viene assegnato all’inizio ogni anno; e, successivamente, biennale, emerse parallelamente nel 1940, con l’Esposizione Ufficiale Annuale dell’Arte Venezuelana e destinata definitivamente nel 1947, più che a dichiarare il risultato di un concorso, a riconoscere i contributi di un artista nel corso della sua vita.

Tuttavia, la traiettoria dei creatori esprime le caratteristiche del loro paese di origine, i suoi costumi, i suoi paesaggi, la sua gente. Per questo, principalmente, il pubblico del proprio Paese ha il diritto di conoscerli e questi, di trasmettergli il proprio spirito creativo. È un dare reciproco, che rafforza in entrambi il senso di identità.

Da qui la necessità di democratizzare, non solo l’accesso all’arte per il popolo, ma quello degli artisti indiscriminatamente, senza favoritismi, esclusioni ideologiche, estetiche o di stile, e presentarli a un importante gruppo di destinatari.

Con la Gestione della Cultura della nostra istituzione, guidata nei suoi primi 5 anni dalla brillante Dottoressa in Storia Luisa Díaz, con la quale ho avuto il grande onore di lavorare, abbiamo disegnato uno schema che ci avrebbe permesso; da un lato, sostenere e presentare un poliedrico gruppo di artisti; e, dall’altro, trasmettere contenuti attraverso le loro esposizioni, che dovrebbero essere più che una forma di intrattenimento, un’opportunità per generare un incontro educativo nel pubblico.

È così che, in base alla natura patrimoniale e identitaria dei nostri artisti, uno dei programmi espositivi a cui diamo priorità e con maggiore significato e successo, è stata l’organizzazione di mostre dedicate alle opere dei nostri creatori che hanno ricevuto l’importante Premio Nazionale di Arti Plastiche del nostro Paese; ma che, per la velocità quotidiana, il trascorrere del tempo o una tacita dimenticanza o omissione, hanno cessato di essere presenti negli anni successivi al loro riconoscimento, nei saloni nazionali, o per effetto della moda o per meschinità tipica dei gruppi sociali , da cui il mondo artistico non è esente.

In questo modo abbiamo avuto la soddisfazione di poter onorare nella vita Maestri riconosciuti; la maggior parte dei quali, purtroppo ormai, è morta. La gioia e l’entusiasmo vissuti da ciascuno, entrambi nel Purtroppo ormai sono scomparsi. La gioia e l’entusiasmo provati da ciascuno, sia nel processo di allestimento delle rispettive mostre, sia nell’inaugurazione e nelle successive visite, soprattutto per la preponderante presenza di visitatori di tutte le età e, per la maggior parte, giovanissimi persone, erano gli elementi che ci esigevano; da un lato, l’estrema cura dei dettagli; ma, dall’altro, l’espressione più genuina della nostra creatività. Il tutto, ovviamente, di pari passo con i migliori curatori e museografi, specializzati nelle tendenze corrispondenti e anche negli autori specifici.

È così che nelle nostre sale abbiamo realizzato le mostre dei seguenti Premi venezuelani, la maggior parte dei quali riconosciuti a livello internazionale:
Jesús Rafael Soto, Alejandro Otero, Omar Carreño, Mateo Manaure, Mercedes Pardo, Régulo Pérez, Luisa Richter, Saúl Huerta, Gabriel Bracho, Ramón Vásquez Brito, Alirio Oramas, Francisco Hung, Ender Cepeda, José Antonio Dávila, Manuel Quintana Castillo, Juan Calzadilla, Lía Bermúdez, Francisco Hung (El Chino).

La cosa bella è che non solo molti dei premiati erano, ormai, vivi; ma, il resto, era rappresentato dai loro figli e parenti, che ci hanno accompagnato anche ed entusiasticamente nell’intera iterazione delle rispettive produzioni. Per questo ogni mostra, seppur proveniente dai nostri umili spazi, è stata un fedele riflesso dello spirito dei suoi creatori e un equilibrato campionario del loro lavoro, senza alcun interesse a mettere in evidenza alcuna fase, ma semplicemente con l’intento di trasmettere al pubblico un incontro con i Maestri e identificazione con le loro proposte.
Per ogni mostra abbiamo potuto pubblicare un catalogo e, nella maggior parte di essi, realizzare un video esplicativo delle opere, contenente le idee e le dichiarazioni degli artisti, divulgate anche sui social network, un nuovo strumento per la maggior parte dei premiati e che li ha avvicinati al mondo dei nostri giovani.

Abbiamo potuto mostrare come i nostri artisti siano sempre stati in prima linea nell’atto creativo nel mondo, avendo molti di loro anche incontrati tra loro per scrivere Manifesti, Dottrine o Tesi, che hanno cambiato la percezione dell’arte universale, e generato attraverso di loro un vero cambiamento sociale. È il caso di “Los Disidentes”, composto, tra gli altri, da Jesús Soto, Omar Carreño, Régulo Pérez, tra gli altri, che, contrariamente alla moda del tempo, si tratta di Parigi, 30 luglio 1950 , consideravano l’astrazione e non solo l’arte figurativa o murale, come espressione rivoluzionaria e cambiamento socioculturale.

Consegna alla città di Caracas e all’intero paese della Soto Sphere completamente riabilitata. Molte delle mostre sono state accompagnate dalla riabilitazione, costruzione o collocazione delle opere di alcune di esse in spazi pubblici e dall’ammodernamento dei loro ambienti, come l’illuminazione a Led e i giardini. È il caso della Sfera Soto (detta anche Sfera di Caracas o Sfera Solare), che dopo molti anni di totale abbandono e distruzione, abbiamo riabilitato in diverse occasioni (anni), per farne oggi una delle icone della nostra capitale. . Allo stesso modo, è successo con quello di Carlos Cruz Diez (Physicromía a Doble Faz in Homage to Don Andrés Bello) e Abra Solar di Alejandro Otero, in Plaza Venezuela, dove abbiamo anche collocato, Pariata 57 di Omar Carreño. Allo stesso modo, Los Cerritos di Mercedes Pardo e Alejandro Otero, sull’autostrada Francisco Fajardo, o l’Uracoa Mural, di Mateo Manaure su Libertador Avenue, tra gli altri.

La mostra dei nostri Premi Nazionali è stata visitata da molte persone, soprattutto bambini e adolescenti che non conoscevano le loro opere, e che hanno potuto approfondire l’ideologia degli artisti, i loro pensieri, la realtà e i momenti storici del nostro Paese in cui le opere sono state realizzate; e, soprattutto, nell’essere creativo che costituiva ciascuno di essi, come strumento di trasformazione sociale.
Con quanto sopra, siamo stati in grado di battere il settarismo nella scelta dei premiati e, per i nostri Premi Nazionali, abbiamo reso un meritato tributo come un modo per perpetuare la loro grandezza nelle opere al pubblico.

L’arte come genuina espressione della specie umana è un’esigenza psichica, sociale ed estetica, che costituisce uno strumento per la formazione della consapevolezza dell’identità culturale nella popolazione. Le nostre mostre sono servite da catalizzatori tra i nostri Premi Nazionali e le idee del pubblico, che ha cercato e trovato in ognuno di essi un’espressione delle proprie radici culturali.

il ricordo dei sorrisi l ricordo dei sorrisi di ciascuno dei nostri Premi Nazionali e lo sguardo perplesso dei nostri visitatori, sono per noi cibo per l’anima e lo spirito, che ci spingono a continuare a sviluppare una ricerca seria e un lavoro di azione per la trasformazione sociale e il miglioramento della qualità della vita per tutti.

--

--

Abog. SummaCumLaude. Doct. en Dcho. Prof. UCAB-UCV. NYU Cities and Urban Development. Pdte PDVSALaEstancia 8 años: arte y espacio público, social, cultural.

Love podcasts or audiobooks? Learn on the go with our new app.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store
Beatrice Sansó de Ramírez

Beatrice Sansó de Ramírez

Abog. SummaCumLaude. Doct. en Dcho. Prof. UCAB-UCV. NYU Cities and Urban Development. Pdte PDVSALaEstancia 8 años: arte y espacio público, social, cultural.